Tagged , ,

Mostra “/a·mó·re/ Omnia Vincit Amor”

Tutti i rami dell’arte, dalla letteratura alle arti visive, hanno da sempre affrontato il tema dell’amore. Tuttavia, quando sentiamo la parola amore subito andiamo a immaginare un sentimento romantico, passionale e che spesso include un contatto fisico, dimenticandoci quindi che l’amore racchiude mille sfumature e si declina in modi differenti.

Nel mondo antico, i romani parlavano di pietas, un sentimento che comprende l’insieme dei doveri verso lo Stato, la società e gli altri uomini. Si parla quindi di cura, protezione, attenzione, della certezza di un rifugio sicuro e della consapevolezza che c’è qualcuno, da qualche parte, che è pronto e disposto a venirci incontro e a tenderci una mano, prendendosi cura di noi. Anche gli antichi greci usavano parole differenti per idee di amore differenti: da una parte l’eros, l’amore passionale e romantico, dall’altra l’agape, l’amore invece caritatevole verso il prossimo.

San Valentino è oramai alle porte e non si può non pensare all’amore in quello che è il periodo più romantico dell’anno. Noi abbiamo voluto ampliarne il concetto e raccontare l’amore in tutte le sue declinazioni, ponendo l’accento sulla pietas che sembra al giorno d’oggi venuta meno. Abbiamo davvero perso la facoltà di amare in modo genuino e disinteressato? Abbiamo davvero dimenticato come si fa ad ascoltare il diverso e ad accettarlo tendendogli una mano?

Di cose dette sull’amore ce ne sono migliaia, ma forse la più bella e potente ce l’ha lasciata Virgilio, una frase in grado di infondere speranza: “Omnia vincit amor”, l’amore vince su tutto.

Mostrami ha aperto quindi la mostra “/a·mó·re/Omnia Vincit Amor, attraverso cui viene celebrato l’amore disinteressato verso il prossimo e il diverso. Le opere di 11 giovani artisti che raccontano la loro declinazione dell’amore saranno esposte in Mostrami Factory @ Fabbrica del Vapore dal 7 febbraio al 3 marzo.

Ecco i nomi degli artisti che parteciperanno alla mostra: Anna Russo, Michele Penna, Laura Brambilla, Giulia Nelli, Barbara Giovinazzo, Mattia Agnolin, Davide Dadenes, Alessandro Padovan, Francesco Pipitone, Christian Sacchi, Marco Sors.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *