La streetart è una delle forme artistiche più giovani ed innovative, questa viene utilizzata dagli artisti per esprimere le proprie opinioni su temi attuali e proporre immagini forti ed incisive che possano essere ammirate dal pubblico urbano.

Uno dei temi più caldi del momento è quello della difesa dell’ ambiente: fra manifestazioni, scioperi e la figura sempre più presente di Greta Thunberg, era logico aspettarsi che anche gli streetartist si esprimessero al riguardo. Noi di Mostrami abbiamo pensato di selezionare cinque murales – più uno – che affrontano il tema dell’inquinamento, non solo perché rappresentano alcune specie di animali in via di estinzione, ma anche perché sono realizzati con una speciale vernice che permette di ripulire l’aria dalla CO2 proprio come un bosco.

 

 

Hunting Pollution di Iena Cruz

 

La prima opera non può che essere Hunting Pollution, il più grande murales antismog d’europa realizzato con colori eco-sostenibili, inaugurato a Roma il 26 ottobre 2018. Il lavoro rappresenta un airone tricolore, specie in via d’estinzione, che cattura un pesce all’interno di uno specchio d’acqua fortemente inquinato; l’immagine ha però una doppia valenza: così come il volatile cattura la propria preda, così la vernice catturerà lo smog purificando l’aria di uno degli incroci più trafficati della capitale.

 

 

Global strike for future di Matteo Brogi

 

In seguito alla sciopero mondiale per il clima che si è tenuto il 15 marzo 2019 l’artista Matteo Brogi ha realizzato, nel quartiere San Lorenzo di Roma, un murales con un orso polare come protagonista. Il peloso personaggio ha in mano un cono gelato a forma di mondo che si sta sciogliendo; un riferimento chiarissimo al problema del surriscaldamento globale.

 

 

Lupi in città di Mattia Campo Dall’Orto

 

Spostandoci nella città di Trento possiamo trovare l’opera Lupi in città, streetart realizzata da Mattia Campo Dall’Orto in collaborazione con il MART. Il murales vuole rappresentare il difficile rapporto millenario tra uomo e lupo, un incontro-scontro tra realtà e folklore con una specie animale che è stata ed è tutt’ora in pericolo di estinzione.

 

 

Vaillant di Orticanoodles

 

La Vaillant ha deciso di decorare una delle grandi pareti del proprio stabilimento, situato nel quartiere Maciachini di Milano, con un murales ecologico; questo è stato realizzato dal duo di artisti Orticanoodles e rappresenta un bosco popolato da diverse specie animali. L’azienda ha deciso così di commissionare un’opera che trasforma una vasta parte dell’edificio in un depuratore e contribuisce a limitare il suo impatto sull’ambiente.

 

Anthropoceano di Iena Cruz

 

Sempre a Milano si trova un’ altra opera di Iena Cruz: Anthropoceano. Il titolo del murales è stato inventato dall’autore stesso facendo riferimento al termine antropocene, ovvero l’era geologica che noi tutti stiamo vivendo; l’opera rappresenta una piattaforma petrolifera ed alcuni animali inseriti all’interno di un’enorme bottiglia di plastica, chiaro simbolo del negativo impatto dell’uomo sul delicato ecosistema marino.

 

 

Orsi di Bordalo II

 

Come ultimo esempio di streetart eco-sostenibile abbiamo voluto inserire nella nostra lista anche gli interessanti lavori di Artur Bordalo, conosciuto con il nome d’arte di Bordalo II. L’autore portoghese ha realizzato una serie di murales, che hanno come protagonisti degli orsi, sui muri di San Salvario a Torino. Sebbene queste opere non siano state realizzate con la vernice cattura smog dei lavori che abbiamo elencato precedentemente, anche esse denunciano un forte legame con il tema dell’inquinamento; l’artista infatti ha deciso di incorporare all’interno di queste immagini murali una serie di materiali di recupero e scarti, in gran parte provenienti da auto e biciclette abbandonati.

 

 

Questi sono le opere che Mostrami ha selezionato per voi in occasione del lancio della partnership  che Mostrami ha chiuso con Airlite, l’azienda produttrice di pigmenti antismog!

 

Tutto ciò perchè anche noi  di Mostrami siamo molto vicino ai temi dell’arte e dell’ambiente, ed è per questo che abbiamo deciso di avviare un servizio di streetart su commissione che possono essere realizzati proprio con quella speciale vernice green di cui abbiamo parlato nell’articolo e forniti dal nostro partner.

Siete interessati ad arricchire pareti e saracinesche con opere d’arte che fanno bene al pianeta? Visitate la pagina dedicata ai murales su commissione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *