UncategorizedTagged , ,

Murales a Brescia: itinerario tra la street art della città

I murales sono da sempre una forma d’arte che colorano e abbelliscono le nostre città. Noi di Mostrami ve ne abbiamo parlato spesso; ci piace raccontarvi di questi giovani street artists che decorano l’Italia e non solo.

Sebbene in questo periodo non si possa girovagare ed andare alla scoperta di questa particolare forma d’arte, abbiamo pensato di focalizzarci su un’altra città italiana ricca di street art: Brescia. Restate connessi e scoprite questi murales!

 

Vera Bugatti – Aut Aut

L’immenso murales è stato realizzato dalla giovane artista bresciana Vera Bugatti, che ha preso parte ad un’iniziativa di arte urbana patrocinata dal Comune, dal titolo Link Urban Art Festival. L’opera raffigura una gigantesca donna anziana, canuta, che regge un bastone sul quale è posato un uccellino. Il murales sta a simboleggiare la caducità della vita, il tempo che passa e il desiderio umano dell’avere, che spesso prevarica sull’essere. Un bellissimo messaggio per un altrettanto bel murales!

Yaz – Carmine

L’pera dello street artist Yaz, che oggi collabora con i professori di Brera, è spuntata qualche mese fa sui muri bresciani. “Anche le pareti devono poter parlare”, ha sostenuto l’artista, ed è proprio quello fa questo murales, che rappresenta tutte le fasi della vita, dall’infanzia alla vecchiaia, in un simbolico e quasi malinconico intrecciarsi di emozioni e stati d’animo. E’ il susseguirsi delle nostre tappe evolutive, che crea gioia, dolore e lacrime, ad esserci raccontato dallo street artist italiano.

Saddo – Strong women

Murales realizzato dall’artista Raul Oprea Sebastian, in arte Saddo, incentrato sul tema della donne, che raffiguara una giocatrice di calcio con indosso la divisa della Leonessa. L’opera è un mix di stili artistici: troviamo elementi fumettistici, alcuni che ricordano la corrente del Futurismo e altri che fanno riferimento all’atletica dell’antica Grecia. Il tutto racchiude il forte messaggio di una donna forte e libera di essere.

108 – Violino

Lo street artist piemontese Guido Bisagni, in arte 108, ha anch’egli preso parte al Link Urban Art Festival partecipando al grande progetto di riqualificazione urbana andando a decorare la facciata di un edificio utilizando l’escamotage di una gigantesca macchia scura che invade e pervade la superficie come fosse un elemento estraniante rispetto allo stabile. Il murales desta senza dubbio l’attenzione e lo sguardo di chi si trova a passare e decora una zona delle città bresciana.

Sanpolino

Altra opera di street art realizzata con lo scopo della riqualificazione urbana di Brescia, sono i murales che hanno decorato i 26 piloni strutturali della fermata Sanpolino della metropolitana della città. Qua si è vista la collaborazione di diversi giovani street artists italiani provenienti anche dal modo del graffitismo. Molta la soddisfazione dei residenti rispetto all’iniziativa artistica, che ha visto coinvolto in prima fila il comune di Brescia.

Alessio b – Peace

Anche lo street artist Alessio-b ha decorato la città di Brescia e ha lasciato traccia del suo passaggio tra le strade della città. Ha rappresentato un bambino con un pennello in mano e la kefiah in testa, copricapo simbolo della cultura araba e mediorentale. E’ proprio lui, infatti, l’artefice della scritta “Peace”: il murales sta a simboleggiare il conflitto tra lo Stato di Israele e il territorio palestinese della Striscia di Gaza, un tema da sempre molto attuale che non smette di far riflettere.

Paul Loewe e Erik Ritzel – Impressioni bresciane

Murales voluto dall’associazione culturale Techne e affidato ai due writers di Bolzano, Paul Loewe e Erik Ritzel. I due street artists hanno raffigurato le bellezze storico artistiche di questa città, ritraendo i luoghi più significativi non solo di Brescia, ma anche della sua provincia. Troviamo allora rappresentati il Palazzo della Loggia, la Croce di Desiderio ed il Castello di Sirmione, quest’ultimo in provincia.  Racchiusi in unico spazio alcune delle meraviglie di questa città che non smette di stupire i passanti.

 

Se volete conoscere quali altri murales decorano e abbelliscono le nostre città, vi segnaliamo la nostra mappa dei murales, costantemente aggiornata.

Inoltre, noi di Mostrami vi offriamo un servizio di murales interni ed esterni a domicilio per poter decorare le vostre case ed attività: scegliete quello che fa per voi!

Leggete il nostro articolo sulla street art a Bergamo e scoprite gli altri murales della Lombardia!

 

5 thoughts on “Murales a Brescia: itinerario tra la street art della città

  1. Ciao ragazzi! La mappa di Brescia è da aggiornare parecchio. C’è un murales di PSIKO all’interno del cortile dell’Accademia SantaGiulia di Via Tommaseo 49; c’è un nuovo pezzo di Bosoletti al Villaggio Violino….. e tutti i murales di Sanpolino!

    1. Grazie mille Laura, non prentendiamo che il nostro lavoro sia completo, siamo solo all’inizio e ci serviranno mesi e mesi ma appunto ci servono segnalazioni come la tua! :)))) Grazie grazie grazie!

  2. Brescia in questi ultimi anni ha dimostrato di essere una citta’ all’avanguardia.Cio’ e’ dovuto a un bravissimo sindaco ex collega preparato e molto serio. Avevamo proprio bisogno. Continua cosi’.La sinistra ha molto bisogno di persone come lei.Un carissimo saluto.

    1. Ciao Lucio sicuramente Brescia sta facendo passi da gigante sul fronte dell’arte e della street art! Grazie per il tuo intervento!

  3. Carissima (Mostrami (Carneide chi e’ costui)) ha ragione di consigliarmi di moderare i termini,il sindaco Emilio del Bono e l’Italia in genere non hanno bisogno di simili
    Considerazioni,nessun paese al mondo e’ bello e ricco di persone di alto livello non solo di Dante Leonardo Michelangelo e tanti altri di questo livello.Risulta pero’ spontaneo chiedersi come ha potuto l’Italia ridursi cosi come paese del terzo mondo in fatto di corruzione,poverta’ (sempre i piu’ deboli) e mancanza di altruismo?Le istituzioni della chiesa non potrebbero lascire l’8 permille allo stato invece di usarlo per costruzioni faraoniche(vedi a Brescia)?con osservanza lucio frati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *