Videogames e cultura: quando lo sviluppatore è un museo – II Parte

L’arte e la cultura non devono per forza essere confinati dentro le mura di un museo ma possono anche esprimersi sotto forma di un’avventura coinvolgente condita con enigmi e misteri e calata in luoghi suggestivi ricchi di storia e di bellezza. Così sta nascendo un nuovo trend nel settore culturale: il gaming. Sempre più musei hanno deciso di sviluppare un videogioco per promuovere le loro collezioni e raggiungere un pubblico più ampio e bisognoso di divertirsi, noi di Mostrami ne abbiamo selezionati alcuni che vi faranno venire voglia di giocarci immediatamente!

 

Una giovane storica dell’arte appassionata della storia dei Medici, un inspiegabile omicidio consumato tra le ombre di Palazzo Pitti a Firenze, una intricata serie di misteri esoterici, legati alla reggia e custoditi gelosamente da una setta segreta. La studiosa, rimasta nottetempo intrappolata nell’immensa reggia, dovrà risolvere il mistero, forte solo delle sue conoscenze e di una macchina fotografica, prima che una oscura maledizione plurisecolare metta a rischio la sua stessa sopravvivenza e quella dell’intera Firenze.

Si tratta di The Medici Game. Murder at Pitti Palace, il primo videogame in 3D dedicato a un museo italiano: realizzato per le Gallerie degli Uffizi da Sillabe in coproduzione con Opera Laboratori Fiorentini-Civita e dall’associazione TuoMuseo.

Strutturato come un’avventura investigativa, vede il giocatore muoversi tra le sale riccamente arredate di Palazzo Pitti nei panni della ricercatrice ventisettenne, affrontando pericolosi avversari e risolvendo gli innumerevoli enigmi celati nei capolavori dei suoi musei, mentre i più terribili segreti della leggendaria famiglia si svelano via via davanti ai suoi occhi. La trama, ricca di colpi di scena ed elementi fantasy, è costellata di spunti storico-artistici sui protagonisti delle vicende dei Medici, accuratamente ricostruiti.

I luoghi più suggestivi della reggia sono stati realizzati fedelmente sulla base di una minuziosa campagna fotografica, tesa a restituire ai giocatori in ogni dettaglio l’aura affascinante dell’edificio granducale con le sue celebri sale e appartamenti reali. Una parte del gioco si svolge anche all’esterno della reggia, in uno degli angoli più suggestivi del giardino di Boboli, la Grotta del Buontalenti. Nel corso delle sue peripezie notturne la ricercatrice dovrà non solo sciogliere rompicapo e puzzle legati alla storia dei Medici e dei capolavori artistici delle loro collezioni, ma anche vedersela con svariati personaggi: sul suo cammino incontrerà i malvagi appartenenti alla setta che osteggia le sue ricerche così come inattesi alleati e spiriti guida. Non mancano sorprese e plot twist nell’evoluzione della trama che accompagna il personaggio insieme ad un’atmosfera dalle tinte dark  e ad un uso sapiente della luce e delle ombre negli spazi del Palazzo, appositamente studiati per incrementare la tensione narrativa.

“The Medici Game offre scorci inediti del nostro patrimonio artistico e architettonico: la speranza è che i giovani possano trarne spunto e curiosità per venire ad ammirare gli spazi originali di Palazzo Pitti, dove l’avventura virtuale si svolge” – Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi.

Il gioco è disponibile in sette lingue su mobile (IOS/Android), potete scaricarlo qui. I primi tre capitoli del gioco sono disponibili gratuitamente e al costo di 2,29€ si possono sbloccare quelli successivi.

La storia del Victoria and Albert Museum di Londra e i suoi edifici sono estremamente affascinati e si possono scoprire grazie a V&A Secret Seekers. Questo gioco si sviluppa come una caccia al tesoro per scoprire i segreti del museo interagendo con alcuni personaggi storici, come il principe Albert, fondatore del museo, sua moglie la Regina Victoria e l’artista britannico William Morris, che vengono ritratti in tutta la loro personalità. Attraverso una serie di sfide il giocatore, spostandosi all’interno del museo, dovrà scoprire informazioni e caratteristiche poco conosciute nascoste nella collezione artistica.

Il gioco è disponibile online a questo link in lingua inglese.

Toscana Promozione Turistica con l’Associazione Culturale TuoMuseo promuove Beyond Our Lives, videogioco ambientato nella campagna Toscana, tra passato e presente, nei luoghi dell’antica Etruria.
Sergio e Lavinia, amici fraterni fin da bambini, sono accomunati dalla passione per l’archeologia e per gli studi sull’antico popolo etrusco. Un evento imprevedibile sconvolge però le loro esistenze scatenando una sorprendente caccia al tesoro che spingerà i protagonisti ad indagare sul significato della vita, della morte e sulla natura del loro rapporto. Le ambientazioni variano tra città, natura, musei e aree archeologiche, oltre che i pittoreschi borghi di Chiusi, Volterra, Populonia, Rosignano Marittimo e Vetulonia.

Il gioco concorre a creare un nuovo immaginario turistico e culturale delle città etrusche. Beyond Our Lives ci permette di visitare digitalmente, e in chiave ludica, ambientazioni ricche di storia e di richiami al passato fornendoci uno squarcio sulla vita quotidiana degli etruschi. Ancora una volta, grazie al linguaggio tipico del video gioco, abbiamo avuto la possibilità di raccontare una storia ambientata nell’epoca moderna ma ispirata dal desiderio di riscoperta e valorizzazione dell’antichità.” – Fabio Viola, fondatore di TuoMuseo.

Il videogioco è scaricabile gratuitamente qui in italiano e inglese.

 

Se questi videogiochi vi sono piaciuti e siete interessati a scoprirne di altri per vivere la cultura non perdetevi la prima parte di questo articolo. Iscrivetevi alla newsletter per scoprire altre notizie sull’arte come questa e rimanere aggiornati su tutte le iniziative di Mostrami.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *