(Italiano) Videogames e cultura: quando lo sviluppatore è un museo – II Parte